L’origine del free climbing a Gozo risale all’occupazione britannica, quando i soldati della Royal Air Force iniziarono a segnalare (negli anni ’60 e ’70) tutti i camminamenti, i passaggi e le rotte verticali dell’arcipelago. A seguire, negli anni ’80 e ’90, con il boom di questo sport, nuovi tracciati e sentieri vennero aperti da esperti scalatori, facendo dell’arcipelago, ma di Gozo in particolare, la culla del free climbing mediterraneo.

Sei sono le principali aree in cui poter pratiacare questo sport, con oltre 300 scalate di diversi livelli (dai principianti ai professiniosti): Dwejra Bay, Ghajn Abdul, Kerchem Black Slab, Xlendi Bay e Mgarr in-Xin. Meno noti ma ugualmente affascinanti la Valle di Munxar e le scogliere della costa nord.

Free climbing